Episodi e decisioni discutibili. La Meta Catania cede il passo a Feldi Eboli

Vince Feldi Eboli ma la Meta Catania Bricocity schiuma rabbia per decisioni della terna arbitrale che hanno determinato gli episodi decisivi

Non una gara banale, la classica del futsal, con sulla panca di Eboli quel Salvo Samperi che ha scritto le recenti fortune del club etneo. La Meta Catania Bricocity partiva concentrata, sul pezzo e con la garra giusta. Feldi Eboli teneva pallino del gioco ma non riusciva a sfondare la fase di non possesso rossazzurra e di contro Musumeci e compagni mostravano personalità e qualità nell’espressione offensiva sotto l’area di rigore di Dal Cin. Pressione alta perfetta degli uomini di Ramiro e vantaggio meritato con Rossetti che apriva il festival del gol. Meta Catania mostrava tutte le sue migliori qualità e riusciva anche a raddoppiare grazie all’assist perfetto di Campoy e la spaccata perfetta di Matamoros al suo 15° sigillo stagionale e parziale di 0-2. Gara spettacolare e Feldi Eboli che reagiva sfruttando prima una carambola impazzita con la rete di Luizinho e poi Pesk dopo un perfetto uno-due trovava lo spazio per battere Tornatore. Tutto da rifare per gli uomini di Ramiro, ma gara piacevole con azioni pericolose da una parte e dall’altra: Tornatore presente e attento a proteggere i pali rossazzurri mentre capitan Musumeci e Alonso vicini due volte alla rete del nuovo vantaggio. La beffa arrivava a pochi secondi dalla fine del primo tempo: schema perfetto di Feldi Eboli e rete di Luizinho a battere imparabilmente Tornatore.

In avvio di ripresa la formazione di Ramiro stuzzicava due volte la porta di Eboli: prima la super occasione per Alonso, ma Dal Cin con l’aiuto anche del palo salvava i padroni di casa, e poi Rossetti dove ancora il portiere di casa chiudeva lo specchio. Al quarto minuto episodio decisivo della gara, deciso da un cartellino giallo, il secondo, frettoloso e ammazza partita ai danni di Musumeci che andava sotto la doccia. Feldi Eboli sfruttava subito la superiorità numerica e con Calderolli piazzava il 4-2. Tornatore due volte esaltava i riflessi. A dodici dalla fine altro episodio dubbio: arbitro che fischiava un dubbio contatto e decretava il rigore che Pesk trasformava per il 5-2 Feldi Eboli. I rossazzurri giocavano la carta del portiere di movimento, cercando i gol rimonta: Dal Cin esaltava per tre volte i riflessi negando la rete a Cruz, Rossetti e Campoy. Dopo tutti i tentativi etnei era lo stesso Dal Cin, portiere della Feldi Eboli, che a porta sguarnita pescava il jolly del 6-2. Rossetti ribadiva in rete l’ennesimo attacco etneo per il 6-3, ma a nulla serviva perchè Bissoni sfruttando ancora la porta libera chiudeva i giochi sul 7-3.

Finiva con la vittoria di Eboli con tanto rammarico e rabbia per la Meta Catania Bricocity che vede sfumare una gara decisa da episodi molto dubbi e discutibili concessi ai padroni di casa.

Di seguito il tabellino

FELDI EBOLI-META CATANIA BRICOCITY (3-2 p.t.)
FELDI EBOLI: Dal Cin, Romano, Trentin, Schiochet, Selucio, Vavà, Caponigro, Pesk, Calderolli, Bissoni, Luizinho, Melillo, Glielmi, Pasculli. All. Samperi

META CATANIA BRICOCITY: Tornatore, Rossetti, Alonso, Musumeci, Taliercio, Messina, Silvestri, Campoy, Matamoros, Galan, Cruz, Raffagnino, Manservigi, Dovara. All. Lopez

MARCATORI: 3’14” p.t. Rossetti (M), 6’18” Matamoros (M), 8’33” Luizinho (F), 10’25” Pesk (F), 19’58” Luizinho (F), 4’31” s.t. Calderolli (F), 7’53” rig. Pesk (F), 15’47” Dal Cin (F), 17’17” Rossetti (M), Bissoni al 17’40, Matamoros al 19′, Taliercio al 19,30

AMMONITI: Musumeci (M), Calderolli (F), Luizinho (F), Taliercio (M), Vavà (F), Matamoros (M), Cruz (M), Tornatore (M)
ESPULSI: al 3’40” del s.t. Musumeci (M)

ARBITRI: Chiara Perona (Biella), Domenico Di Micco (Cinisello Balsamo) CRONO: Nicola Maria Manzione (Salerno)

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

ALTRI ARTICOLI